KAVOD

2010Colour hight-definition video on screen/colour hight-definition

site specific project.  Santa Maria in Vineis, Strassoldo (Ud)

                                            

Ospedale Civile  di Gorizia. Reparto di Medicina. Stanza X.

Audio su nastro Hdv. Voce dell'artista Marco Bernot con rumore di ossigeno.  Qualche giorno prima della sua morte.

 

Trascrizione.

Non credo che sia comprensibile. Fino a che punto si possa restare in attesa di una guarigione? Le nuove cure e le nuove terapie possono portare un uomo, una donna a sopravvivere molto più a lungo nel tentativo di recuperare la salute oppure la speranza oppure..... quasi come è capitato a Giobbe, quasi una sorta di resurrezione dalla propria malattia terrena.

Posso testimoniare che è molto più rapido arrendersi, senza neanche poter ringraziare chi ti ha assistito e curato ma si può anche cadere in una disperazione totale. Di solito questa condizione  impedisce davvero di andartene. La mente, almeno per me, rimane molto comprensiva di tutte le terapie che mi hanno offerto e un'assistenza prolunga molto questo stato di attesa e sospensione; nella misura in cui viene offerta una speranza di guarigione, allo stesso tempo si è molto isolati perché  la malattia del corpo si associa a uno stato di alterazione, di disperazione anche. E non si è più, non sono più. Mentre Gesù sale lungo il sentiero del monte Calvario, cade più volte e sono molte le donne che lo aiutano a rialzarlo. Anch'io ho aspettato. Sento molte le voci di donne che ogni tanto vengono a salutarmi..è finita la flebo. E' finita la flebo. Ho premuto un pulsante. Verrà senz'altro un'infermiera donna a cambiare la flebo. (…) Sapere che la mia voce oppure il lavoro di altri, la loro immagine, possa offrire questa testimonianza in una chiesa è senz'altro una cosa buona. E' tutto quello che  io posso offrire.

 


Interpreti: Marco Bernot,  Riccardo Maranzana, Martina Croce
Trucco: Aurea Parovel
Fotografia: Daniele Trani
Ideato e diretto da: Manuel Fanni Canelles
Produzione: Studio Openspace
Anno: 2010

 

testo critico a cura di Fulvio dell'Agnese > ITA